Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
30 luglio 2013 2 30 /07 /luglio /2013 07:00

Julien Champagne e il bagno degli astri

astri1.jpg

La tavola XVIII dell'edizione originale di Il Mistero delle Cattedrali di Fulcanelli, illustrato da Julien Champagne, è tratta dal portale della Vergine di Notre-Dame de Paris ed è intitolata "Le Bain des Astres" - Condensation de l'Esprit Universel [Il Bagno degli astri - Condensazione dello Spirito Universale].

Nell'edizione Pauvert, essa è sostituita da una fotografia che reca il numero XXIX. Ecco per cpominciare quel che ne dice lui stesso: "Si nota anche, sotto questo portale, un piccolo bassorilievo quadrangolare estremamente strano. Esso sintetizza ed esprime la condensazione dello Spirito universale, il quale forma, non appena materializzato, il famoso Bagno degli astri in cui il sole e la luna chimichi devono bagnarsi, cambiare di natura e ringiovanisi.

Vediamo un bambino cadere da un crogiuolo, grande come una giara, che un arcangelo tiene eretta, aureolato, l'ala distesa, e che sembra colpire l'innocente.

Tutto lo sfondo della composizione è occupato da un cielo notturno e stellato".

astri2.jpg

"Riconosciamo in questo soggetto l'allegoria molto semplificata, cara a Nicolas Flamel, del "Massacro degli innocenti", che vedremo tra poco su una vetrata della Santa Cappella", aggiunge Fulcanelli.

Ma lasciamo Fulcanelli proseguire il suo commento: "Senza entrare minuziosamente nella tecnica operativa, - ciò che nessun autore ha osato fare, - diremo tuttavia che lo Spirito universale, corpificato nei minerali sotto il nome alchemico di Zolfo, costituisce il principio e l'agente efficace di tutte le tinture metalliche.

Ma non si può ottnere questo Spirito, questo sangue rosso dei bambini, se non scomponendo ciò che la Natura aveva prima riunito in essi.

È dunque necessario che il corpo perisca, che esso sia crocifisso e che esso muoia, se si vuole estrarre l'anima, vita metallica e Rugiada celeste, che esso teneva racchiusa.

E questa quintessenza, trasfusa in un corpo puro, fisso, perfettamente digerito, darà nascita a una nuova creatura, più risplendente di qualunque altra di quelle da cui proviene.

I corpi, termina Fulcanelli ricordando un assioma fondamentale dell'alchimia, non hanno affatto azione gli uni sugli altri; lo spirito soltanto è attivo e agente".

astri3.jpgSul numero 3 della rivista "La Tour Saint Jacques" del 1956, Eugène Canseliet tornerà sul tema della strage degli innocenti, in occasione del suo articolo Nicolas Flamel: Traité des Laveures. L'ha ripreso anche, modificando il suo commento, nell'edizione di Nicolas Flamel, Le Livre des Figures Hiéroglyfiques [Il Libro delle Figures Geroglifiche], edito da Denoël poi da Retz, rispettivamente nel 1970 e 1977.

Ecco innanzitutto il testo delle Figure di Nicolas Flamel del 1977: "All'altra pagina del quinto foglio, vi era un Re con un grande coltellaccio, (IV) che faceva uccidere in sua presenza dai suoi Soldati grande moltitudine di Bambini, le Madri dei quali piangevano ai piedi degli spietati Gendarmi, e questo sangue era poi raccolto da altri Soldati, e pone in un grande vassoio, nel quale il Sole e la Luna del Cielo vanno a bagnarsi.

E poiché questa Storia rappresentava pressappoco quella degli Innocenti uccisi da Erode, e che in questo Libro ho appreso la maggior parte dell'Arte, è stata una delle cause del motivo per cui ho messo nel loro Cimitero questi Simboli Geroglifici di questa Scienza segreta".

astri4.jpg


Ed ecco infine il testo di Eugène Canseliet relativo alla tavola intitolata La strage degli Innocenti, sulla rivista La Tour Saint Jacques, che reca il titolo: Breve commento sulla tavola qui a fianco:

"La strage degli Innocenti, che Flamel fece rappresentare sul suo ossario parigino, nella sua corrispondenza teologico-chimica, evoca il grande arcano della seconda opera. 

Nel Libro delle Figure, l'Adepto non ne fornisce la spiegazione e si accontenta di segnalare il martire collettivo e iniziale che registrerà la storia cristiana all'inizio dell'era, con le sei righe di un breve paragrafo del primo capitolo:

"In quanto al terzo, quarto e quinto Quadro seguenti, nel corso dei quali egli ha descritto, COME GLI INNOCENTI FURRONO UCCISI SU ORDINE DEL RE ERODE. Il senso Teologico si capisce anche abbastanza attraverso questa scritta, si deve soltanto parlare del resto che è sopra".

In questa edizione di sire Arnauld de la Chevallerie, sulla grande tavola che si ripiega, si vede anche la scena di sgozzamento estremamente semplificata.

Ci è sembrato utile offrirlo al lettore, dall'immagine dipinta del Libro di Abramo, molto più significativa, poiché i bambini imolati, tutti accompagnati dal segno solare, si trovano in numero di sette, rimpiangendo tuttavia di essere stato costretto di eseguirla "in bianco e nero".

Quest'immagine è qui riprodotta con i suoi colori originali.

E Canseliet conclude così: "Del testo che chiarisce questa composizione su pergamena, nel bel manoscrittom della Bibliothèque nationale (fr. n°14765), estraiamo, - non senza aver eliminato gli errori e gli inserimenti forse dovuti a Denis Molinier, - alcune righe ricordano l'operazione nel corso della quale i pesciolini, pazientemente e successivamente, vengono pescati nel mar ermetico.

Nel sangue di tutti questi innocenti nascerà l'ICTHUS della Chiesa primitiva, la remora degli alchimisti, il Salvatore o Re del Mondo: "Con questo sangue si deve intendere la riduzione dei nostri zolfi metallici incorporati nella nostra acqua mercuriale animata, perché non vi è che essa nella natura capace di compiere questa estrazione e questa riduzione dei nostri metalli in mercurio; è in quest'acqua che Vulcano ha bagnato il sole per purificarlo dalla lebbra".

Su Denis Molinier, si potrà consultare la pubblicazione di "L'Alchimie de Flamel" edito dalle Editions d'Art Savary, nel 1989.

astri5.gif

ARCHER

 

[Traduzione di Massimo Cardellini]

 

LINK al post originale:

Julien Champagne et le bain des astres

 

© JULIEN CHAMPAGNE

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Jean Julien Champagne ed il suo ambiente socio-culturale
  • Jean Julien Champagne ed il suo ambiente socio-culturale
  • : Divulgazione degli aspetti della vita, degli ambienti conosciuti, delle personalità frequentate e dell'arte di Jean Julien Champagne, uno dei membri dell'ambiente in cui operò Fulcanelli, il più celebre alchimista del XX secolo.
  • Contatti

Link