Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
30 giugno 2013 7 30 /06 /giugno /2013 07:00

Da Henri Charcornac a Champagne

charcornac1.jpg

 

 

Walter Grosse è convinto che è tramite la mediazione dei Chacornac che Julien Champagne ha fatto conoscenza di Fulcanelli.

Grazie a Calendrier, sappiamo ad ogni modo che essi furono forse i primi editori di "Hubert". Sempre tratto dalla loro Bibliographie de la science occulte [Bibliografia della scienza occulta] del 1912, ecco dunque, e un ritratto di Henri Chacornac (1855-1907), e la sua biografia scritta da suo figlio Paul.

Notiamo di sfuggita che Henri Chacornac presenta la doppia particolarità di avere circa venti anni di meno rispetto a Fulcanelli e averne invece sempre venti di più rispetto a Julien Champagne...

"Verso il 1873, abitava al 3, Rue Jean de Beauvais, una famiglia di rilegatori, molto stimata sulla piazza di Parigi, dal nome di Chacornac. Uno dei figli, Henri Chacornac, divenne nel 1880 il genero di Jules Lermina, romanziere molto noto. È da quest'epoca che data la vocazione di mio padre.

Nel 1883, venne a stabilirsi come libraio al quai Montebello, in un chiosco addossato all'Hôtel-Dieu, oggi scomparso. Gli inizi furono difficili, ma con pazienza e coraggio, giunse al risultato dei suoi sforzi e si installò definitivamente, l'anno seguente, all'11, quai Saint-Michel, nell'attuale locale della Libreria.

In quel periodo, Henry Chacornac si occupava esclusivamente di letteratura; stampò a sue spese alcune opere eccellenti di Jules Lermina, Barbey d'Aurevilly, Léo Trézenick, ecc...

Tuttavia, l'occultismo lo attirava e, nel 1888, fu uno dei primi librai parigini che, al momento in cui la vendita di questi libri era difficile, osò intraprendere un compito in cui molti si scoraggiavano.

Alcuni mesi dopo, diede alle stampe la sua prima opera di occultismo: L'Or et la Transmutation des métaux [L'Oro e la Trasmutazione dei metalli], di Tiffereau.

L-Or-et-la-Transmutation-des-metaux.jpg


"L'anno seguente, volendo dare più estensione ai suoi affari, creò la "Bibliothèque Chacornac" che diventò una celebre firma. È durante questo periodo che fece la conoscenza di Albert Poisson che la morte doveva rapire così presto all'affetto dei suoi amici.

Poisson.jpgAlbert Poisson

 

"Nel marzo del 1890, Henri Chacornac stampò il suo primo catalogo di opere antiche e moderne relative alle Scienze Ermetiche. La sua abitazione diventò uno dei centri del movimento spiritualista, e i capi di ogni scuola divennero i suoi amici. Nel frattempo, un certo numero di opere fecero la loro comparsa e presto René Philippon gli affidò la vendita della Bibliothèque Rosicrucienne.

 Infine, nel 1901, mio padre fece l'acquisizione dei libri del fonds de Sciences Occultes noto con il nome di Librairie du Merveilleux [Libreria del Meraviglioso] fondata nel 1888 da Chamuel. È allora e a ragione che egli chiamò la sua libreria: Libreria Generale delle Scienze Occulte [Librairie Générale des Sciences Occultes]. Il primo catalogo ragionato apparve nel 1903; tre anni più tradi, il secondo catalogo, questa volta illustrato, divenne una vera rarità.

 Ma, sfortunatamente la morte spiava Henri Chacornac. Decorato con le Palme Accademoche (Palmes Académiques) in marzo, si spegneva il 27 maggio 1907, dopo 30 anni di lavoro accanito, di continue lotte, nel momento in cui avrebbe potuto riposarsi e raccogliere il benessere dovuto al suo coraggio e alla sua perseveranza. La vita di Henri Chacornac è un modelli del genere.

 Figlio delle sue Opere, seppe attraverso la sua onestà e la sua bontà guadagnarsi la simpatia di tutti e si può dire, senza ombra di dubbio, che la Librairie Générale des Sciences Occultes è, nel momento attuale, la più giustamente rinomata tra le librerie spiritualiste".

 Aggiungerei semplicemente che, nella sua introduzione, Papus si fa l'eco del parere riprodotto qui in alto da Paul Chacornac su suo padre"Tutti gli autori che hanno amato l'occulto hanno avuto per Chacornac Padre una sincera amicizia raddoppiata a volte da riconoscenza. La sua famiglia fornisce sempre preziosi servizi alla nostra causa pubblicando, accanto ad opere di vendita immediata, dei classici dal debole profitto commerciale, ma di grande valore intellettuale".

Ecco gli autori alchimisti repertoriati nel catalogo del 1912: Ruggero Bacone, Jacob Boehme, John Dee, Charles Galder, Jules Grillot de Givry, Abel Haatan, Marc Haven, Jacob, Heinrich Khunrath, Albert Poisson, San Tommaso d'Aquino, Saint-Yves d'Alveydre, e Tiffereau.

Ricordiamo infine che la sezione alchimia della bibliografia presentata da Sédir si apre, come già detto nel post intitolato Champagne nel 1912,  con il futuro frontespizio di "Il Mistero delle Cattedrali" di Fulcanelli (1926), "concepito e disegnato" nel 1910 da Julien Champagne.

charconac2-copia-1.jpg


ARCHER

 

[Traduzione di Massimo Cardellini]

 

LINK al post originale:

D'HENRI CHACORNAC A CHAMPAGNE

 

© JULIEN CHAMPAGNE

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Jean Julien Champagne ed il suo ambiente socio-culturale
  • Jean Julien Champagne ed il suo ambiente socio-culturale
  • : Divulgazione degli aspetti della vita, degli ambienti conosciuti, delle personalità frequentate e dell'arte di Jean Julien Champagne, uno dei membri dell'ambiente in cui operò Fulcanelli, il più celebre alchimista del XX secolo.
  • Contatti

Link