Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
7 giugno 2009 7 07 /06 /giugno /2009 10:55



Canseliet dipinge Julien Champagne







Prefatore e redattore dei Fulcanelli illustrati da Julien Champagne, alchimista, scrittore, Eugène Canseliet (1899-1982) è stata una delle persone a lui più vicine.

 

Adulato dagli uni ("il buon maestro di Savignies"), criticato, soprattutto dopo la sua morte, da molti che vedono in lui un mistificatore (Evelyne Segaud) o un impostore (Geneviève Dubois), resta ineludibile, soprattutto quando si tratta di colui che chiama "Maestro".

 

Oltre alla deferenza d'uso verso chi ha venti anni più di lui, quest'appellativo era giustificato dalla loro passione e direi anche il loro talento comune in materia di pittura e di disegno.

 

Ritorneremo ancora sulla loro relazione stretta e durevole, poiché iniziata nel 1915 circa e che resterà ininterrotta sino al decesso di Champagne avvenuto nel 1932.

 

Vorrei sin d'ora ricordare l'apporto personale di Eugène Canseliet alla letteratura e all'alchimia, così come all'arte in generale.

 

Oltre a numerosi articoli che non è utile menzionare in dettaglio per ora, la sua opera è considerevole, in termini di libri pubblicati in particolare.

 

Egli pubblica sin dal 1945 Deux Logis Alchimiques [Due luoghi alchemici], poi propone alle Editions de Minuit le Douze Clefs de la Philosophie [Le dodici chiavi della Filosofia] di Basilio Valentino (1956). Nel 1964, una raccolta dei suoi articoli è publicata da Pauvert (Alchimie). Nel 1967, sempre presso Pauvert, apparve il Mutus Liber.

 


  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Nel 1971-1972, egli riedita Limojon, presso Denoël. Quest'ultimo anno, appare, di nuovo presso Pauvert, L'Alchimie expliquée sur ses textes classique [L'Alchimia spiegata sui suoi testi classici], da cui è stato ripreso l'acquarello riportato sopra. Citiamo pure i suoi Trois Traités d'alchimie [Tre trattati di alchimia], edito da Pauvert nel 1975.

In materia di letteratura, e senza voler essere completi, aggiungerei al suo studio su Cyrano de Bergerac (Alchimie, 1964), quello su Jonathan Swift (Fata Morgana, 1983).

In materia d'arte, menzioniamo anche il suo contributo all'Arte magica, di André Breton (Formes & Reflets, 1957) e la sua presentazione di Héraldique Alchimique Nouvelle [Araldica Alchemica Nuova], di José Camacho e Alain Gruger (Il Sole Nero, 1978), così come quello della raccolta di Michel Desimon, La Femme e lŒuf Philosophal [La Donna e l'Uovo Filosofale] per le Editions du Cygne, 1980.

Per terminare provvisoriamente, ritorniamo al quadro firmato qui sopra, di cui Eugène Canseliet ci dice in L'Alchimie expliquée (indice) che è un "ritratto del pittore Julien Champagne, eseguito presso i suoi genitori, a Charmettes de Villiers-le-Bel".

Egli precisa sul dorso della tavola che lo riproduce: "Julien Champagne, com'era, quando andammo insieme, allo scopo di sistemarci per fare un acquarello, nei dintorni dell'Ermitage d'Arnouville, in luoghicampestri ora scomparsi".

E nel testo del libro, ecco quel che aggiunge: "In ricordo di questi tempi memorabili, speriamo che l'amatore ci sarà grati, per l'avergli offerto il ritratto di Julien Champagne, che terminammo all'acquarello, il 12 agosto 1921, quando egli abitava ad Arnouville-les-Gonesse, nel posto chiamato L'Hermitage e, per coincidenza, nell'avenue Viollet-le-Duc".

Canseliet che nei suoi Trois anciens traités citati, riproduce in bianco e nero e commenta un quadro che si intitola La chasse a la chouette [La caccia alla civetta], quadro di cui fornisco una versione a colori, recentemente negoziata sotto il titolo La pipée [Caccia con il richiamo]:






ARCHER



[Traduzione di Massimo Cardellini]

Post originale datato domenica 5 febbraio 2006 .

LINK al post originale:
Canseliet peint Julien Champagne

© JULIEN CHAMPAGNE


Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Jean Julien Champagne ed il suo ambiente socio-culturale
  • Jean Julien Champagne ed il suo ambiente socio-culturale
  • : Divulgazione degli aspetti della vita, degli ambienti conosciuti, delle personalità frequentate e dell'arte di Jean Julien Champagne, uno dei membri dell'ambiente in cui operò Fulcanelli, il più celebre alchimista del XX secolo.
  • Contatti

Link