Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
6 giugno 2009 6 06 /06 /giugno /2009 08:40





LA SANTA CAPPELLA E CHAMPAGNE





I miracoli, esistono; ecco dunque un'illustrazione dell'edizione originale di I Misteri delle Cattedrali di Fulcanelli, apparso nel 1926 presso Jean Schemit e stampato in 300 esemplari.

Questa tavola XXI, firmata J. Champagne e datata come il frontespizio già riprodotto dal 1910 e dedicato alla Santa Cappella di Parigi, vetrate Sud si intitola Il massacro degli Innocenti.

Ecco cosa ne dice Fulcanelli nel suo libro: "La Santa Cappella, capolavoro di Pierre de Montereau, meraviglioso reliquiario di pietra eretto tra il 1245 ed il 1248, per accogliere le reliquie della passione, presentava anche una  conformazione alchemica molto notevole. Ancora oggi, se rimpiangiamo vivamente il rifacimento del primitivo portale, in cui i Parigini del 1830 potevano con Victor Hugo ammirare "due angeli, di cui l'uno ha una mano in un vaso e l'altro in una nuvola", abbiamo, malgrado tutto, la gioia di possedere intatte le vetrate sud dello splendido edificio. Sembra difficile incontrare altrove una collezione più considerevole, sulle formule dell'esoterismo alchemico, di quella della Santa Cappellla. Intraprendere, foglia a foglia, la descrizione di una tale foresta di vetro, sarebbe un lavoro enorme, capace di fornire materia per numerosi volumi. Ci limiteremo dunque a fornirne una copia estratta dal quinto pannello, prima crociera e che tratta del Massacro degli Innocenti... Non sapremmo raccomandare troppo agli estimatori della nostra vecchia scienza, così come ai curiosi dell'arcano, lo studio delle vetrate simboliche della cappella alta; vi troveranno molto da raccogliere, così come nel rosone, incomparabile creazione di colore e armonia".

È in Le dimore filosofali (Grimorio del castello di Dampierre, terza serie, cassone 4, Schemit, 1930) che Fulcanelli consiglierà il discepolo di alchimia sull'importanza di questa allegoria del Massacro degli Innocenti: "che egli si sforzi (il discepolo) di comprendere l'allegoria del Massaro degli Innocenti, di Nicolas Flamel, così come la spiegazione chiara che ne dà Limojon, così chiaramente quanto può farlo un maestro dell'arte. Sin dal momento che saprà ciò che sono, metallicamente, questi spiriti dei corpi designati con il sangue degli innocenti sgozzati, in quale modo l'alchimista opera la differenziazione dei due mercuri, avrà varcato l'ultimo ostacolo e nulla, in seguito, se non la sua impazienza, potrà frustralo del risultato sperato".

In quanto a noi, potremmo comparare la bella incisione colorata da Julien Champagne alla foto della stessa vetrata, riprodotta nell'edizione Pauvert (1964) di Il Mistero delle Cattedrali.



E con il mio quasi omonimo Georges Renard, il cui opuscolo del 1927 sulla Santa Cappella del Palazzo, edito da Les Beaux livres du foyer français, è impreziosito da illustrazioni di Albert Robida, continuare a portare i nostri sguardi sulle magnifiche vetrate di cui dobbiamo la restituzione a due artisti di grande talento: il signor Steinheil per il disegno, il signor Lusson per la fabbricazione.

Esse sono infatti come "un mosaico traslucido e fiammeggiante in cui giocano i raggi del sole".



 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


ARCHER


 

[Traduzione di Massimo cardellini]

 

 

Link al saggio tradotto:

La Sainte Chapelle et Champagne

 


Post originale datato sabato 4 febbraio 2006

 

 

© JULIEN CHAMPAGNE

 

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Jean Julien Champagne ed il suo ambiente socio-culturale
  • Jean Julien Champagne ed il suo ambiente socio-culturale
  • : Divulgazione degli aspetti della vita, degli ambienti conosciuti, delle personalità frequentate e dell'arte di Jean Julien Champagne, uno dei membri dell'ambiente in cui operò Fulcanelli, il più celebre alchimista del XX secolo.
  • Contatti

Link